Archivi tag: amici

Le cose belle

Lungi da me infilarmi nel tunnel dei #100HappyDays, ché del resto già averne uno è una cosa preziosa, però oggi:

  • Mi sono svegliata in montagna con la spalla ragionevolmente in ordine dopo una giornata di visite e scrocchiamenti, e ho fatto una meravigliosa colazione con pane e burro salato e tanto caffè.
  • Invece di dover cambiare 3 treni trascinandomi dietro la valigia ho ricevuto un comodo passaggio e sono arrivata a casa molto prima del previsto.
  • E quindi ho potuto passare il pomeriggio con una persona adorabile che avevo tanta voglia di rivedere.
  • Sono andata al Castello a guardare le rondinone plasticone colorate e quella bella vasca d’acqua che per motivi incomprensibili nessuno nota mai. E i gattoni nel fossato.
  • Ho scoperto che esiste lo sparapringles e mi sono lasciata offrire patatine piccanti calde in mezzo alla strada
  • Ho seminato gocce di gelato sciolto per tutta piazza del Duomo, come nei momenti migliori della mia infanzia
  • Ho comunque avuto il tempo ti tornare a casa per fare tutti i preparativi per la festa di domani, e per commuovermi pensando agli sposi ❤
  • E adesso mi godo il fresco, dopo il temporale.

Ogni tanto ci sono giornate così. Buonanotte.

I’m not getting older, I’m getting better

E così è successo, anche quest’anno. Ho di nuovo compiuto 23 anni.

Sono stata accompagnata per tutto il giorno dal plon (twitter) dal plin (facebook) e dal tuntu tutuntu tutun (sms) di tonnellate e tonnellate di auguri.

Ho sorriso moltissimo e scritto “Grazie” un milione di volte.

Al mio ingresso in ufficio le colleghe hanno inscenato un musical per me, canti e balli sulle note di Happy Birthday. I maschietti no, loro son noiosi.

Ho ricevuto in regalo:

  • 1 mazzo di tulipani bellissimi
  • 2 chupa chups

Mi sono concessa il lusso di uscire dall’ufficio in orario umano per portare le mie scarpine a rifare i tacchi.

Ora sono a tavola, con una tazza di meraviglioso tè verde, e tra pochi minuti aprirò il giornale.

La felicità non è difficile.


Le cose che succedono…..

Il mondo è bello perché è avariato, e succedono cose variamente belle e avariatamente strane…. e vieppiù strane da quando possiamo connetterci a internet 24/7, da casa, dal lavoro, in between via telefono e prossimamente dall'interno del nostro cranio grazie a qualche geniale antennista.

Succede che nel giro di 1 (una) settimana ritrovi su facebook tutti gli amici di quando facevi le elementari e schettinavi in cortile (non per vantarmi, ma adesso monopattino in centro: l'evoluzione della specie), organizzi una cena, e li ritrovi TUTTI, variamente sposati e proliferati, gente seria con lavori importanti, gente semplice con belle famiglie, gente un po' randagia ma sempre simpatica come una volta, e si passa tutta la notte a raccontare aneddoti sulla terribile portinaia che non ci lasciava "giuocare a palla", ma in fondo doveva avere un'ideina di simpatia leggiadra perché ballava il liscio meglio di tutti…..
Succede che una sera dopo una bella bevuta in compagnia ti viene voglia di ripensare alle persone che hai conosciuto lungo la via, e a dove li hai lasciati, e improvvisamente ti rendi conto che, nonostante aaaaaaanni da studentessa in istituti di vario ordine e grado (dall'asilo alla specialità post-laurea) e da lavoratrice inde-e-fessa in tot aziende, quelli che ti sono rimasti SEMPRE amici sono: gli uligani con cui andavi (e vai) in trasferta a vedere le partite di hockey; gli energumeni con cui andavi (e vai) a vedere i concerti di rock-hard rock-heavy metal-rumori di fonderia; e quelli della tua vecchia chat, che 2 volte l'anno facevano millantamila chilometri per ritrovarsi tutti a cena insieme, e che anche quando non li vedevi per mesi ti riempivano il cuore ogni notte con tante chiacchiere più o meno serie, o leggere, ma comunque spiritose e vere……
Succede che passi la vita a leggere di cose atroci che capitano a poveracci che hanno acconsentito ad incontrare la ragazza simpatica conosciuta on line, solo per scoprire – troppo tardi ahimè – che si trattava della reincarnazione di jack lo squartatore, pronta ad ucciderli, prelevarne i reni per venderli sul mercato nero, violentarne il cadavere e scaricarne i resti semicarbonizzati in una roggia….. e invece tutte le persone che tu hai deciso di incontrare erano esattamente come te le aspettavi:carine, simpatiche, spiritose, intelligenti e gradevoli di persona quanto e più che per iscritto…….
Succede che ti rendi conto dell'esistenza di persone talmente incapacitate ad affrontare il mondo da credere che la vita sia davvero quello che si scrive in 140 o più caratteri, da gioire/offendersi/disperarsi/minacciare il suicidio/varie ed eventuali per una semplice battuta di spirito, e tu lì, a chiederti "Basaglia…. perché?"…….
E al di là di tante altre cose succede, comunque, che tu sei tu e la vita te la fai come ti piace, e che la persona che sei inevitabilmente influenza tutto quel che ti sta intorno e le persone che attrai; e questo non ha nulla a che fare con il mezzo che usi: che tu stia a schettinare in cortile, a monopattinare in centro, a bere e mangiare in compagnia, a casa davanti al computer, al lavoro, a scuola, in famiglia, se sei onesto con te stesso e con gli altri avrai quello che ti meriti. Sempre.

Variamente ispirato dalle ottime serata e compagnia odierne, da questo post di Socor, e da tutto il resto 🙂

Read and post comments | Send to a friend