Archivi tag: musica

My summer mixtape

Ora, lo so che non si fanno più, però a me l’abitudine della cassettina per l’estate è rimasta.

Ecco quella che sarebbe la mia compilation 2013 (ovviamente è un papocchio inenarrabile, come me). Enjoy.

http://grooveshark.com/playlist/Summer+2013/89392270

Annunci

RAP! (Tornando a casa #9)

Tre ragazzi, immagino che abbiano 15-16 anni, sono vestiti in modo favolosamente buffo perché cercano di darsi il tono di certi musicisti americani ma risultano delle involontarie caricature: jeans larghissimi e col cavallo tenuto all’altezza delle ginocchia lasciano scoperte ampie porzioni di tristi mutande di cotone da offerta ai grandi magazzini (6 paia 10 euro), strati sovrapposti di felpe li gonfiano come tre piccoli Bibendum e i tanti cappucci creano delle buffe gobbe, i giubbotti sono solo poco meno ridicoli dei berretti portati sulle 23, uno dei ragazzi ha anche ciocche di capelli piastrati che gli ricadono sulla faccia.

Appena raggiungono la banchina della metropolitana il piastrato dice “Dai Fra’, metti la base”, Fra’ spara una musica tunz-tunz dal telefonino che tiene in mano, e i tre si lanciano nell’improvvisazione di un rap in rima più o meno baciata col quale mi accompagneranno per tutto il tragitto.

Argomenti principali: il sesso con le tipe (ma quando mai ve la danno, ma vi siete visti?) e gli insulti alle rispettive madri, invariabilmente ma variamente definite prostitute. La produzione poetica è stata veramente notevole, purtroppo ricordo un solo verso

E tua madre è una mignotta / va al parco a fare la mignotta / con Thiago Motta

Il momento migliore è stato quando, mentre uno declamava con grande convinzione i suoi versi, l’altro a voce bassa gli diceva “Oh dai non urlare, ché disturbiamo”. Bravi bimbi teneri, questi rapper.

Hawaii Hawaii

L’Ukulele di Spongebob!!!!!

Meraviglioso……

[aggiunta del 16 novembre] Abbiamo anche la chitarra!!!!!!

Sono commossa. Mettiamo su un complesso?

Dissonanza

Capita a volte di ascoltare musica in sottofondo, senza prestare attenzione, quasi senza averne coscienza; ma poi, improvvisamente, una dissonanza ci cattura.

E' la nota "sbagliata", quella che non ti aspetti, quella che, tra tutte le melodie possibili, non ne sceglie nemmeno una; se ne resta lì, fuori dal resto del componimento, come uno scoglio che spunta dal mare.
Come il sasso che fa deragliare il treno, l'imprevisto che ti cambia la giornata, il buono che muore alla fine del film: la dissonanza spiazza, sorprende, intriga e costringe ad esplorare sentieri non battuti.
Interrompere l'armonia, uscire dallo schema, cambiare percorso: anche la vita, nel bene e nel male, si fa ascoltare con le dissonanze.

Read and post comments | Send to a friend

The Wretched

Visto che sto ascoltando questa canzone in loop da 45 minuti tanto vale che mi appiccichi qui il testo, almeno posso fare il karaoke

"The Wretched"

just a reflection
just a glimpse
just a little reminder
of all the what abouts
and all the might have
could have beens
another day
some other way
but not another reason to continue
and now you're one of us
the wretched

the hopes and prays
the better days
the far aways
forget it

it didn't turn out the way you wanted it to
it didn't turn out the way you wanted it to, did it?
it didn't turn out the way you wanted it to
it didn't turn out the way you wanted it to, did it?

now you know
this is what it feels like
now you know
this is what it feels like

the clouds will part and the sky cracks open
and god himself will reach his fucking arm through
just to push you down
just to hold you down
stuck in this hole with the shit and the piss
and it's hard to believe it could come down to thisback at the beginning
sinking
spinning

and in the end
we still pretend
the time we spend
not knowing when
you're finally free
and you could be

but it didn't turn out the way you wanted it to
it didn't turn out quite the way that you wanted it

now you know
this is what it feels like
now you know
this is what it feels like

you can try to stop it but it keeps on coming
you can try to stop it but


Read and post comments | Send to a friend

Evviva! E’ Lunedì

Corporate Cannibal

Pleased to meet you, pleased to have you on my plate
your meat is sweet to me
your destiny
your fate

you’re my life support, your life is my sport

I’m a man-eating machine

you won’t hear me laughing, as i terminate your day
you can’t trace my footsteps, as i walk the other way

I can’t get enough prey, pray for me
(I’m a man-eating machine)
corporate cannibal, digital criminal
corporate cannibal, eat you like an animal

employer of the year, grandmaster of fear
my blood flows satanical,
mechanical, masonical and chemical
habitual ritual

I’m a man-eating machine..

I deal in the market, every man, woman and child is a target
a closet full of faceless nameless pay more for less emptiness

I’ll make you scrounge, in my executive lounge
you pay less tax, but I’ll gain more back

my rules, you fools

we can play the money game
greed game, power game, stay insane
lost in the cell, in this hell
slave to the rhythm of the corporate prison

I’m a man-eating machine…
I can’t get enough prey
pray for me
corporate cannibal…
digital criminal…

I’ll consume my consumers, with no sense of humour
I’ll give you a uniform, chloroform
sanitize, homogenize, vaporize… you

I’m the spark, make the world explode
I’m a man-eating machine, I’ll make the world explode
corporate cannibal…

Read and post comments | Send to a friend