Archivi tag: notizie

More Banned Books

La settimana dei libri banditi sta volgendo al termine, e purtroppo non riesco ad avere la speranza che tra un anno si possa fare a meno di inaugurarne una nuova. 

Il mondo pullula di persone, associazioni, confessioni, partiti politici e semplici imbecilli che trovano alcuni (molti) libri blasfemi, volgari, violenti, pericolosi e non so cos'altro. Ma soprattutto, che trovano NOI aspiranti lettori troppo stupidi, ingenui e privi di senso critico da poter decidere da soli se aderire alle idee propalate in quei libri oppure no.
Durante questa settimana, molte librerie americane hanno scelto di rappresentare in modo drammatico il significato della censura sui libri, allestendo scaffali di libri proibiti. Io le immagini di questi scaffali le trovo semplicemente agghiaccianti, ma per fortuna di una cosa sono certa: non è togliendoci i libri che ci tolgono la possibilità di pensare e credere come ci pare, non è togliendoci i libri che ci portano via le idee: noi siamo liberi, dentro, sempre. E' chi non lo capisce che probabilmente non lo è stato mai davvero.
Bannedbooks2Bannedbooks

Read and post comments | Send to a friend

Annunci

Mai più senza # 3 – The Hotdoll

Che mai sarà una Hotdoll?

Un baby doll abbandonato erroneamente su un calorifero? Una barbie infilata nel forno dalla vostra cuginetta distratta? Il CD delle Pussicat Dolls che a furia di riflettere i raggi del sole è diventato così bollente da poterci friggere gli Hamburger?

MAGARI!

 

 

La Hotdoll è un sex toy per cani: in pratica, la bambola gonfiabile per Fido, come raffinatamente illustrato nelle immagini della sobria brochure.

Per carità, qualsiasi cosa per il proprio cucciolo; ma portarlo al parco a divertirsi come il dio dei cani comanda, no????

 

Read and post comments | Send to a friend

Tricottare che passione

Il contagio è inarrestabile: non quello dell'influenza suina (speriamo), ma quello della passione per i ferri da maglia e gli uncinetti.

Dopo i tricottatori di maglioncini per pinguini

 

 

 

e quelli di golfini per galline

http://littlehenrescue.co.uk/jumpers.aspx

 

 

– tutti, va detto, sferruzzatori per nobilissimi scopi umanitari – adesso arrivano i tricottatori da città. Probabilmente non salveranno la vita a nessuno ma hanno il merito di rendere le città (e le loro case) più allegre e colorate; e sicuramente fare un cappottino a un palo è meglio che sporcarlo tutto di vernice.

Questi singolari artisti della lana sono stati a Milano un paio di mesi fa, all'interno dell'evento "Dritto  e Rovescio", prima mostra italiana di knit-art. Questo è il loro sito: chissà che vedendo le foto non vi scappi di fare un maglioncino alla vostra lampada da tavolo!

 

 

Read and post comments | Send to a friend

Questa sì che è arte!

 

Questa meravigliosa opera di Jacques Rival sciaguatta nel fiume a Lione, rendendo felici i passanti e invidiosissima me, che ho solo 2 paperelle da bagno (paperette serie eh, mica come quelle arrestate a Firenze. Btw, al Coin di Milano 5 Giornate le paperelle sciantose sono ancora presenti, e lottano con noi).

 

Chiedo ufficialmente che dopo Lione il bel topolone (mangerà gorgonzola?) se ne venga in tour nei navigli di Milano. Alla peggio, in una piscina da queste parti (purtroppo nella mia vaschetta da bagno, ahimè, non ci sta).

 

Read and post comments | Send to a friend

Fronte di liberazione della paperella

Le hanno arrestate

 

Liberiamole!!!!

Unisciti alla crociata per la liberazione della paperetta

 

 

 

Read and post comments | Send to a friend

diamo i numeri…

… sul supercalifragilistichespiralidoso piano casa nato dal genio di qualcuno che ha deciso di prendere sul serio questo spot:

 

Così il cemento ci Sommergerà – Mario Tozzi (da Vanity Fair)

Quanto costerà in termini ambientali il progetto di Berlusconi sugli immobili? Ecco tutte le cifre

“I padroni di casa possono cominciare da oggi a chiamare i progettisti”. Così Silvio Berlusconi ha accolto l’intesa con le Regioni per il via libera al suo “piano casa”, che consente di aumentare del 20% la volumetria di alcuni tipi di abitazione. In termini economici, secondo il premier si metterebbero in circolo 60-70 miliardi di euro. Ma a che prezzo, in termini ambientali? Vediamolo.
1) Essendo i proprietari di appartamento circa il 70% degli italiani, ed essendoci milioni di seconde e terze case, se aderisse al piani il 10% si può stimare un incremento del volume complessivo edificato equivalente ad alcune centinaia di migliaia di appartamenti e villette. Un ampliamento del 20% della volumetria comporterebbe una crescita della superficie abitabile di 490 milioni di metri quadrati, che, considerando 3 metri di altezza diventa 1,5 miliardi di metri cubi in più.
2) Quando il piano sarà attuato, si arriverà ad un consumo record di cemento da 220 milioni di tonnellate, contro i 47,5 milioni di tonnellate del 2007. Per avere un idea: l’Austria ne produce solo 4 milioni di tonnellate l’anno., il Regno Unito, la Francia e la Germania (Paesi più grandi e popolati del nostro) rispettivamente 12,21 e 33 milioni di tonnellate.
3) Per produrre 220 milioni di tonnellate di cemento ci vogliono 800 milioni di tonnellate di sabbie e ghiaie, 30 milioni di metri cubi d’acqua e l’apertura di oltre 5 mila cave (il doppio di quelle esistenti). E siccome per produrre una tonnellata di cemento si emettono 0,89 tonnellate di anidride carbonica, si avrà dall’8 al 15% di emissioni in più rispetto ad oggi. Le polveri sottili passeranno da 2600 a 8 mila tonnellate l’anno. Per non parlare dell’energia che ci vorrà.
4) in termini di deturpazione del territorio, già oggi in Italia un totale di 250 mila ettari di terreno vengono ricoperti ogni anno di cemento e asfalto, mentre in Germania viaggiano a 43-44 mila ettari l’anno, e in Inghilterra addirittura a 8 mila.
Negli ultimi 15 anni abbiamo consumato oltre 3.663.000 ettari di terreni (quanto l’Abruzzo e il Lazio messi insieme), di cui 2 milioni di ettari di superfici agricole. Con il piano casa, il consumo di suolo aumenterà almeno del 5% annuo, cioè 10 mila ettari aggiuntivi.
5) Quanto all’altra idea di Berlusconi, dare una casa a chi non ce l’ha, perché costruirne di nuove quando ci sono circa 25 milioni di vani sfitti? Anche perché le misure previste dal piano per i nuovi alloggi, che per quanto si è capito interesserebbero 5 mila unità, ma basterebbero neppure a “coprire”i 150 mila sfratti esecutivi pendenti oggi in Italia.

 

Inutile dire che se anche queste cifre fossero esagerate di 10 volte farebbero rabbrividire. E poi al primo terremoto viene giù tutto :-((((

Read and post comments | Send to a friend

MAI PIU’ SENZA!

Mai più senza # 02: i condom per i ditini

Simpatici preservativi colorati da mettere sulle dita per mangiare con le mani senza sgradevoli inconvenienti igienici – soprattutto quando non c'è modo di lavarsi le zampette. Ce ne sono di tutti i colori, quindi è possibile esagerare in fighizia coordinandoli all'abito – o forse è meglio alle scarpe?

Suppongo che non vengano prodotte versioni aromatizzate, ma forse le varianti al sale-pepe o alla vinaigrette potrebbero non essere una cattiva idea.

Attendiamo trepidanti rapida scomunica papale.

 

 

 

 

 

Read and post comments | Send to a friend